Canto di Achab

Clicca sul player per ascoltare in anteprima un frammento di Canto di Achab 

Canto di Achab

(english version)

Testo e musica di S. Menza

E Dio, sì, Dio lo sa se lo amo il mare
e il suo richiamo sa se mai ho deluso.
Dondola il mio destino e fa sognare
l’occhio mio chiuso.

La gamba mia incastrata al ponte, e, in testa,
la vena al vento grida all’occidente.
La stiva un ventre e tutta danza questa
festa danzante.

Maledetto sestante,
sai dirmi dove sono, non dove devo andare…
Maledetto sestante,
sai dirmi dove sono, non dove devo andare…

Più il cielo è terso e meno so pregare,
come chi tema il peso di uno sguardo.
Ripenso a quanto valse navigare,
così m’attardo.

Che più si viaggia e vede e prova e sente,
meno si crede d’aver mai viaggiato,
né visto mai in passato o nel presente,
né mai sentito.

Maledetto sestante,
sai dirmi dove sono non dove devo andare…
Maledetto sestante,
sai dirmi dove sono non dove devo andare…

Bussola avvelenata, bene e male,
sai dirmi dove vado, non da dove vengo.
Avresti immaginato mai che fosse
tanto pesante,

il viaggio, o sestante?
Sai dirmi dove sono, non dove devo andare…
Maledetto sestante,
sai dirmi dove sono, non dove devo andare…

Ciò tutto scelsi e guarda a quale prezzo…
Quella mia vita monca lì nel porto,
o dolce sogno di promesse e inganni,
a un amore, a dei figli, a un cane storto.
A un occhio e ad una gamba, ai miei vent’anni,
i miei vent’anni…

Notte che ride (Ph. G. Addamo)